giovedì 27 aprile 2017

I resti di una civiltà ibernata potrebbero nascondersi sotto l'Antartide

ANTARTIDE

Recentemente molti tabloid internazionali si sono soffermati sulle frequenti visite in Antartide di un gran numero di personalità di spicco ,tra cui l'allora Segretario di Stato John Kerry, Buzz Aldrin, il Patriarca Kirill, e molti altri ancora, il che potrebbe rappresentare la prova circostanziale che qualcosa di grande potrebbe essere venuto alla luce in Antartide e che tali informazioni sono destinate ai rimanere segrete almeno fino a quando le Agenzie governative non decidono di divulgare platealmente e in modo particolareggiato i risultati scientifici ottenuti in questi ultimi mesi dai vari gruppi di ricerca inviati in Antartide .
Il ricercatore Corey Goode, ha fornito una serie di teorie circa il progressivo interesse da parte di alcune personalità di fama internazionale su quanto starebbe accadendo in Antartide, ove dal 2002 sono in corso degli scavi scientifici i cui risultati sconvolgenti potrebbero essere resi pubblici entro la fine della prossima primavera . 
Ai primi di gennaio 2017, il divulgatore di segreti programmi spaziali, Corey Goode ha dichiarato di essere stato portato in Antartide per testimoniare i primi risultati ottenuti dai recenti scavi scientifici che potrebbero aver portato alla luce delle antiche rovine appartenenti a una civiltà sepolta sotto uno spesso strato di calotta ghiacciata. Nonostante che la scoperta di antiche rovine risalga alla prima spedizione nazista organizzata nel 1939, è solo dal 2002 che gli archeologi e gli scienziati di fama internazionale sono stati autorizzati ad effettuare i loro scavi sulla calotta antartica. 
Sembra che gli archeologi stiano preparando una serie di documentari e testi accademici con i quali stupire la comunità scientifica. In un recente intervento datato 11 dicembre, 2016 , Goode descrive come in precedenza fosse stato messo al corrente degli scavi in corso d'opera in Antartide e come tali indiscrezioni sono state fatte trapelare da alcune affidabili fonti e da un anziano ufficiale che ha lavorato all'interno di un segreto programma spaziale condotto in sordina dall'USAF e soprannominato all'epoca dei fatti con il codice "Sigmund".  Quello che più sconcerta e' l'accuratezza delle informazioni e la credibilità delle fonti informative a cui fece ricorso Goode. 
Una di queste avrebbe condiviso anche alcune delle sue conoscenze relative alla conduzione di una serie di perforazioni in Antartide i cui esiti non dovevano essere divulgati nel modo più assoluto soprattutto al grande pubblico e alla stampa sempre a caccia di scoop eclatanti . 
Le indiscrezioni fanno riferimento a una civiltà composta da Umanoidi di 10-12 piedi di altezza, i "pre-Adamiti" oltre al ritrovamento di strani teschi allungati. Inoltre, secondo quanto riferito dagli informatori, sarebbero state scoperte anche tre grandi astronavi di forma ovale il cui diametro si aggirara intorno alle 30 miglia. Qualora la scoperta venisse confermata dalla comunità scientifica, allora vorrà dire che questi pre-Adamiti erano di origine extraterrestre e che sarebbero arrivati ​​sulla Terra circa 55.000 anni fa. 
Una delle tre astronavi portate in superficie nascondeva nel suo interno un veicolo spaziale molto più piccolo. Ciò ha portato a credere che una civiltà di preadamiti, almeno una piccola parte di loro, avrebbe trovato rifugio in Antartide, ove sarebbe stata congelata da un improvviso e devastante cataclisma globale verificatosi circa 12.000 anni fa. Goode afferma inoltre che uno dei suoi contatti gli avrebbe riferito di alcune avanzate tecnologie e della scoperta di resti congelati appartenenti a dei presunti pre-Adamiti. 
I sconvolgenti reperti sarebbero stati rimossi dal sito archeologico che secondo le previsioni, verranno mostrati al pubblico entro i primi mesi di quest'anno. 
Le squadre di archeologi sarebbero stati costretti a lavorare con quei pochi reperti rimasti, questo dopo aver giurato di mantenere segreto ciò che avevano effettivamente visto. Inoltre, affinché si potesse selezionare e catalogare gli antichi manufatti provenienti anche da altri siti di scavo è stata decisa la sospensione dei lavori in attesa dell'autorizzazione relativa alla  pubblica divulgazione della clamorosa scoperta. Goode ha inoltre affermato che i pre-Adamiti erano molto gracili di costituzione probabilmente perché i loro corpi si erano evoluti su un pianeta caratterizzato da un ambiente gravitazionale molto più basso.Oltre ai pre-Adamiti, Goode si sarebbe imbattuto anche con diversi altri tipi di Umanoidi dalle dimensioni del tutto normali, alcuni dei quali avevano una sorta di coda corta, mentre gli altri erano muniti di crani allungati simili a quelli rinvenuti in Perù. La conclusione a cui è giunto Goode è che i pre-Adamiti potrebbero aver condotto degli esperimenti biologici su alcuni esseri umani .
Nel loro imminente annuncio circa gli scavi condotti in gran segreto in Antartide, gli archeologi hanno posto un particolare accento su alcuni elementi che farebbero intuire l'avvenuto congelamento di un'antica civiltà molto avanzata la quale sarebbe stata colta alla sprovvista da un'improvvisa era glaciale.

fonte © Michael E. Salla


Nessun commento:

Posta un commento

SCOPERTA UNA STANZA SEGRETA NELLA PIRAMIDE DI KEOPE

La piramide di Cheope non smette di stupire: al suo interno è stata individuata una nuova misteriosa cavità, lunga almeno 30 metri, posta...